MonkeyBit

Xbox

Xbox e il futuro del cloud gaming

Xbox, quindi di conseguenza Microsoft, ha sempre avuto un occhio di riguardo verso nuove modalità con cui usufruire del mezzo videoludico. Tra controller ad alta accessibilità, Xbox Game Pass e prime versioni di Cloud Gaming non si può dire a Microsoft che non ami scommettere sull’innovazione solo che non sempre va tutto come sperato. Cercare di rendere completamente dipendente da internet un mezzo come il videogioco è un’operazione che piano piano stanno facendo tutte le aziende, solo in modo non così palese.

Xbox

Parliamoci chiaro, di tutti i titoli che al momento state apprezzando quelli in single player sono davvero pochi e anche loro hanno qualche componente che insieme ad altri diventa via via migliore. Quindi perché non abbracciare il progresso e provare una volta per tutte il fantastico mondo del cloud gaming? La risposta è una, semplice e dura, le connessioni. Questo è il collo di bottiglia più limitante del mondo videoludico e noi del bel paese ne siamo un esempio lampante.

Ci sono tantissime città dove la connessione permette sessioni di gioco rapide e immediate, mentre altre, anche non in luoghi isolati intendiamoci, dove questo è praticamente impossibile. Fare una partita di mezz’ora a titoli come League of Legends comporta almeno ad una interruzione a causa di cali di connessione, e stiamo parlando di un titolo in cui gli input possibili sono davvero pochi.

Il sogno di Microsoft

Le informazioni che dobbiamo mandare attraverso un server difatti sono relativamente limitate quindi anche chi non dispone di un ottima banda riesce ad apprezzare una partita, in quanto tutto ciò che è relegato a grafica e sonoro è elaborato dalla nostra macchina. Arriviamo quindi al protagonista di questo articolo, il cloud gaming su cui Microsoft vorrebbe puntare, in una veste ancora più smart e semplicistica. Tantissimi di noi hanno in casa una Smart Tv, o nativa o adattata tramite la miriade di gadget acquistabili online.

Questo è un mezzo comodissimo che permette di fare tutto quello che prima aveva bisogno di un PC con cavo HDMI, ovvero guardare film in streaming, video su YouTube, oppure ascoltare musica e tantissimo altro. Il limite che questo sistema aveva fino al giorno d’oggi consisteva nel gaming in quanto gli scarsi hardware di queste macchine (che per fare quello per cui sono stati progettati vanno più che bene) bastavano per usufruire di contenuti in streaming.

Anche Steam ha tentato di permettere lo streaming di titoli su Smart Tv ma con scarsi risultati, soprattutto visto il fatto che il titolo doveva girare sulla nostra macchina. Ora Xbox vuole riprovarci rilasciando entro il 30 giugno la Xbox App per le Smart Tv Samsung dell’anno 2022, vi lasciamo qui l’articolo ufficiale. I titoli giocabili sanno quello che anche ora potete apprezzare sul cloud solo che non avrete bisogno di una console disponibile.

Xbox

Una volta collegato il controller Bluetooth alla tv vi basterà avere una buona connessione ad internet e il gioco è fatto, letteralmente. Naturalmente per fare tutto questo dovrete sottoscrivere l’abbonamento al Xbox Game Pass ma nel caso tutto funzionasse a dovere il prezzo del biglietto sarebbe ripagato a pieno. Tutto questo è meraviglioso e aiuta questo medium ad essere sempre più universale e unito ma basta uno speed test per farci smettere di sognare ad occhi aperti.

Un mondo in cui basta un tasto per cambiare piattaforma, che sia Steam, PlayStation o Xbox, senza dover fare scelte economiche importanti è un mondo in cui il confine tra le diverse piattaforme è cosi sottile da esser costretto a morire in pochissimo tempo. Come detto in calce noi speriamo che la connessione ci permetta di vivere questo sogno, un sogno che Microsoft sta continuando ad alimentare. Per altri contenuti originali, notizie e guide continuate a seguirci qui su MonkeyBit e sui nostri social.

Comments

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.