MonkeyBit

The Falcon and The Winter Soldier copertina

The Falcon and the Winter Soldier Recensione Episodio 3: vecchi amici

Oggi è uscito il terzo episodio di The Falcon and The Winter Soldier. Potete vederlo subito su Disney+. Prima di andare, però, vi invitiamo a leggere la recensione della puntata precedente a questo link. Dopo un inizio abbastanza lento, dove l’attenzione si concentrava sull’aspetto emotivo dei personaggi, finalmente siamo arrivati all’azione. Sappiamo cosa è successo a Bucky Barnes e a Sam Wilson dopo il BLIP. Conosciamo anche il motivo per cui questi due eroi si sono riuniti ancora una volta. Anche i nemici sembrano essere usciti allo scoperto, pur tenendo ancora celate le loro vere intenzioni. Non ci resta che aspettare le prossime novità e vedere come si evolveranno le cose. Intanto analizziamo le nuove sorprese che ci sono state svelate questa settimana.

Sam e Bucky hanno incontrato due vecchie conoscenze, ma ne parleremo più avanti nello specifico. Falcon sembra star capendo quanto sia importante lo scudo di Steve Rogers, anche se non ha ancora le idee chiare al riguardo. Winter Soldier affronta un breve tuffo nel passato, provando un forte disagio. Il nuovo Captain America sta mostrando la sua vera indole da idolo malvagio. Insomma, c’è davvero tanto da dire, quindi prendetevi qualche minuto e godetevi la recensione. Vi ricordiamo anche di non perdervi la nostra live su Instagram alle 21 dove parleremo ancora di The Falcon and The Winter Soldier.

The Falcon and The Winter Soldier: un tuffo nel passato

Come già detto, in questa terza puntata assistiamo al ritorno di due vecchi conoscenti. Il primo è il Barone Zemo, nemico degli Avengers e causa dello scoppio della Civil War, già mostrato nel finale del secondo episodio. La seconda è Sharon Carter, nipote di Peggy ed ex fiamma di Captain America. Bucky Barnes libera l’ex militare sokoviano senza avvisare Sam Wilson per ottenere informazioni sull’Hydra e sui Flag-Smasher, che ritiene collegati. Helmut, finalmente libero, guida gli eroi a Madripoor, location ben nota agli amanti dei fumetti. Qua guida il duo verso Power Broker, un misterioso villain che sta lavorando al siero del supersoldato. Purtroppo non riescono a trovare informazioni, ma raggiungono una persona molto importante che ha avuto a che fare col Soldato D’Inverno in passato. Tra le altre cose, il barone mostra il suo nuovo outifit con l’iconica maschera viola e le sue innumerevoli ricchezze. Per il momento sembra collaborare con gli eroi, ma potrebbe riservarci delle sorprese in futuro.

The Falcon and The Winter Soldier

Sharon Carter è molto cambiata dall’ultima volta che l’abbiamo vista. Dopo aver aiutato Steve Rogers e i suoi alleati si è data alla fuga, trovando riparo a Madripoor. Ed è proprio qua che i nostri eroi la incontrano di nuovo, ma l’Agente 13 ha iniziato un business particolare per guadagnarsi da vivere. Anche lei, come Zemo, aiuta Falcon e Winter Soldier, ma al contrario della loro vecchia nemesi, non li accompagnerà nel ritorno a casa. La nipote di Peggy è delusa dal suo Paese, ha aiutato gli Avengers e adesso è una fuggitiva. Si sente un forte senso di rabbia nelle sue parole, ma Sam Wilson promette di aiutarla. Manterrà la parola data? Mentre aspettiamo una risposta a questa domanda, vi invitiamo a recuperare il nostro editoriale sui due nuovi alleati del team.

“Ho sbagliato, non avrei dovuto dare lo scudo ad un museo”

La figura di Steve Rogers continua a segnare le vite delle persone anche dopo il suo ritiro. Sam Wilson, come abbiamo visto nel primo episodio di The Falcon e The Winter Soldier, ha donato lo scudo a stelle e strisce ad un museo. Il simbolo adesso è nelle mani del nuovo Captain America, John Walker, che sente il peso delle responsabilità date dal ruolo che sta interpretando. Lo stesso Bucky Barnes, pur avendo un brutto rapporto col suo collega, riconosce lo sbaglio commesso nel dare via lo scudo, rispettando quella che è stata la scelta del suo migliore amico. È chiaro che le cose non resteranno così ancora a lungo. L’iconico cerchio di vibranio non può restare nelle mani di un personaggio simile. Anche se, per il momento, Falcon non sembra ancora pronto ad accettare la sua eredità.

The Falcon and The Winter Soldier

 

La mancanza di eroi, la perdita di patriottismo, l’assenza di un nemico specifico, sono tutti elementi che segnano molto questa serie. The Falcon and The Winter Soldier ci mostra un universo spiazzato, confuso, abbandonato a se stesso. Questo concetto è evidente sin dal primo episodio, ma ogni settimana diventa sempre più marcato. Anche il tanto odiato John Walker non sa come agire. È un personaggio antipatico agli occhi del pubblico, è innegabile, ma cerca di soddisfare le aspettative che il Paese ha su di lui. Probabilmente seguendo i metodi sbagliati. Questa situazione porta, proprio come in Civil War, i buoni a passare per cattivi, costringendo Sam, Bucky e Sharon ad agire di nascosto, scappando dalle forze dell’ordine e rivolgersi a veri criminali per ricevere aiuto.

I Flag-Smasher sono cattivi?

Un altro aspetto interessante di questo terzo episodio riguarda i Flag-Smasher. Sappiamo che il gruppo terroristico capitanato da Karli Morgenthau ha un ruolo molto importante. Ma quali sono le loro intenzioni? Siamo sicuri che siano davvero cattivi? È chiaro che anche loro siano stati segnati dal BLIP, che si siano ritrovati scossi proprio come il resto della popolazione mondiale. Possibile che siano una sorta di classico gruppo di ragazzi manifestanti in versione supereroistica? Insomma, è chiaro che i loro modi di fare siano nocivi, ma se le loro intenzioni fossero buone?

The Falcon and The Winter Soldier

Nel primo episodio di The Falcon and The Winter Soldier è stato introdotto John Walker nei panni del nuovo Captain America. Nel secondo abbiamo assistito alla reintroduzione del Barone Helmut Zemo in questa sua versione pacifica (almeno all’apparenza). Ma stavolta non ci è stato presentato nessun nuovo elemento. Sharon è arrivata in questa puntata, ma è già chiara la sua posizione al momento. Ci sono stati degli interessanti approfondimenti su Karli Morgenthau, possibile che lo scontro sia già così vicino? Del resto mancano ancora tre episodi alla conclusione della serie e, sebbene i primi due abbiano fatto da introduzione, quello di questa settimana ci ha spediti nel vivo della storia. Non ci resta che aspettare, quindi appuntamento a venerdì prossimo, noi di MonkeyBit vi aspettiamo.

El Camino

What's your reaction?

Developed by SpawnLab