MonkeyBit

Samira

Samira: guida e analisi del campione di League of Legends

Tempo fa vi avevamo già parlato dei vari campioni di quest’anno e, specialmente, di Samira, di cui poche singole informazioni erano state rivelate con un leak qualche tempo fa da una streamer brasiliana. Ebbene, nelle ultime ore sono state rivelate le sue abilità e il suo aspetto finale tramite i codici del PBE, il server di preparazione a League of Legends. Adesso vi diremo tutto quello che sappiamo.

 

Innanzitutto, in questo video è possibile vedere la sua forma definitiva in gioco e ascoltare la sua voce nei vari incontri con i personaggi. Samira sembra chiaramente venire da Shurima, ma conosce molti dei personaggi. Racconta, parlando con Miss Fortune, di aver ucciso molti pirati, specialmente capitani. Effettivamente il nuovo campione sembra un vero e proprio veterano dai tratti indiani, armato, come vi avevamo già detto, di due pistole e una lunga daga. Lei stessa dice:

Blaze alla mano destra, Thorn alla mano sinistra, Vanquish sulla schiena”

Sembrano questi i nomi delle sue armi, di cui vedremo meglio il funzionamento fra poco. Di sé dice:

“Nata a Shurima, cresciuta a Noxus. Forse morirò a Demacia per rendere le cose interessanti, eh?

A volte sono l’eroe. Altre volte sono il cattivo. Dipende tutto dalla prospettiva.

Crescendo, mia mamma mi ha insegnato una lezione. La morte non è la cosa più spaventosa. È la rabbia di una madre.

Ho due regole per ogni missione: non chiedere il permesso, non chiedere perdono.”

In poche parole, questo nuovo personaggio sembra pronto a fare stragi. In effetti, parrebbe che abbia molta esperienza in questo. Afferma di aver scelto questa vita, come se fosse un mercenario o un giustiziere, pronto ad uccidere chiunque. Una veterana del mestiere, insomma. E finché qualcuno non la ucciderà (e lei sa che, alla fine, capiterà), nessuno potrà fermarla. Il suo aspetto sembra confermare pienamente queste sue caratteristiche, proprio come vediamo in questo tweet, che comprende, probabilmente, anche la sua prima skin.

Le abilità di Samira

Il 151 campione di League of Legends sarà un adc, pronto per la corsia inferiore, ma a nostro parere sarà viabile in quella centrale, data la sua somiglianza con Katarina e Irelia. A nostro parere, però, Samira rientrerà nella categoria più difficoltosa – o quasi – dei personaggi. Questo a causa della sua passiva, molto articolata, senza cui non si potrà nemmeno attivare la ultimate. Vediamole nel dettaglio.

Samira

Ecco qui la sua passiva, Daredevil Impulse, che di base, le conferisce lo “stile”. Samira deve compiere una combo di 6 colpi fra auto-attacchi e abilità, in una sequenza in cui ognuno deve essere differente dall’altro. In base alla successione di questa sequenza, avrà un voto fra E ed S e solo con quest’ultimo attivo potrà attivare la sua ultima. Ma non è finita qui, perché la passiva le dà anche 3.5% di velocità di movimento per ogni grado raggiunto dello stile. Gli attacchi melee di Samira sono potenziati da danno magico, crescendo ulteriormente in base alla salute mancante del target, e in più scalano con lo stile. Se un bersaglio è immobilizzato, quando lo attacca lo solleva per 0.5 secondi e fa danno in sei attacchi separati. Questa passiva è forse una di quelle più articolate del gioco.

Samira

Flair è la Q di Samira, che le fa sparare un colpo che fa danno fisico al primo nemico colpito. Se questa abilità è utilizzata su un nemico molto vicino, colpirà invece con la sua spada. Tutti e due i colpi possono raggiungere il 25% di danno critico bonus. Se utilizzata durante il Wild Rush, Samira colpirà tutti i nemici durante il suo percorso.

Samira

Il Wild Rush è la E di Samira, che le fa fare un balzo in avanti attraverso nemici o alleati, con danno magico e guadagnano il 30% di velocità d’attacco per 3 secondi. Uccidere un nemico azzera il cooldown dell’abilità.

Samira

Questa, invece, è la E, Blade Whirl: rotea la spada intorno a se stessa per un secondo, danneggiando i nemici due volte con danno fisico e distruggendo qualsiasi missile nemico che entra nell’area, un po’ come lo scudo di Yasuo.

Samira

Infine, abbiamo la sua ultimate, Inferno Trigger. Come vi dicevamo, questa abilità può essere utilizzata solo se raggiunto il grado S dello stile. Infatti, come vedete, il cooldown è molto basso. Quando la attiva, Samira rilascia un fiume di colpi, sparando a tutti i nemici intorno a lei dieci volte per 2 secondi, applicando dando fisico, colpo critico rubavita.

Il gameplay

Ancora non ci è stato possibile vederlo, non essendo ancora realmente arrivata sul PBE ma, come vi dicevamo, la passiva rende questo campione molto, molto complicato. Ovviamente, le abilità combano alla perfezione, quindi forse il grado S non sarà così complicato da raggiungere. Come Jayce, può cambiare facilmente range, quindi sarà capace di mettere i bastoni fra le ruote in tutte le corsie, ma specialmente in botlane e in midlane. Inoltre, infligge danno magico. Sicuramente la sui build ruoterà intorno al critico, che crediamo la renderà un campione con uno scaling decente, da mid to late game, per intenderci. Le sue caratteristiche ci sembrano quasi da assassino, più che da semplice adc, quindi sarà davvero pericoloso, come un mercenario. Ci sembra inoltre che si potranno creare delle combo incredibili con molti altri campioni di League of Legends: anzi, sicuramente la parte dell’immobilizzazione della sua passiva farà tornare in auge molti support da grab e stun, come Nautilus, Leona e Thresh, che erano un po’ scomparsi dal meta, recentemente.

Insieme a lei, sono anche state rivelate le prossime skin, le PsyOps per Kayle, Zed, Sona, Pyke, e la True Damage Prestigio per Yasuo, che ci sembrano davvero intriganti. Crediamo che Samira arriverà sul PBE nella prossima settimana e nella patch successiva direttamente su League of Legends, quindi è sicuramente in arrivo una cinematica o qualcosa di simile per annunciare il 151esimo campione. Per altri aggiornamenti, restate connessi a MonkeyBit!

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab