MonkeyBit

Nintendo Switch

Nintendo Switch Online è davvero insensato come sembra?

Replicare a questa domanda sembrava semplice. La risposta, fino alla live dedicata ad Animal Crossing era: “Si, Nintendo Switch Online è un’offerta estremamente debole”. Per quanto i giochi Nintendo 64 possano essere belli, indimenticabili e storici, parliamo di titoli con oltre 20 anni alle spalle. Se Super Mario 64 lo abbiamo visto in ogni salsa possibile, se The Legend of Zelda: Ocarina of Time presenta la sua versione riveduta e corretta su Nintendo 3DS, gli altri mancavano da un po’. Paper Mario, nella migliore delle ipotesi lo abbiamo visto su Wii e giocare il palinsesto Nintendo 64 su Wii era un discreto salasso. Pokèmon Stadium sembrava sparito nel nulla, Donkey Kong 64 era ampiamente dimenticato, per non parlare di Banjo-Kazooie che mancava sulle console nipponica dal giorno della sua uscita.

Questi, e molti altri, sono i giochi che hanno reso grande la console, cosa di cui vi abbiamo già parlato. Però sono comunque i primi esperimenti Nintendo con la grafica tridimensionale e nascono su una piattaforma con un controller molto particolare. Insomma Super Mario 64, giocato all’interno della Super Mario 3D All-Stars, fa sentire i suoi anni e gli altri non sono da meno. Ciò ci porta a rispondere alla domanda con un secco no. Ci sono mille modi per recuperare i giochi Nintendo 64, anche in versioni migliorate, questo non era proprio necessario

Nintendo Switch

All’offerta si è aggiunto il Sega Mega Drive e questo ci ha fatto ridere. La Sega Mega Drive Classics già esiste su Switch. È disponibile sullo store a trenta euro con un buon catalogo di giochi. Perché dovrei pagare un abbonamento per gli stessi titoli visti e rivisti? Non c’è ragione. Ieri la casa di Kyoto ha rivelato il prezzo del pacchetto aggiuntivo e questo ha reso ancora meno accattivante l’offerta. Per cinque o dieci euro, sembrava sensato ma per venti euro in più, proprio no.

Ma Nintendo ha scoperto le sue carte e ci ha fatto capire perché vale la pena acquistare il pacchetto aggiuntivo: il DLC di Animal Crossing. Un appassionato giocatore dell’isola di Tom Nook, come chi vi scrive, vedendo il trailer di presentazione è rimasto meravigliato. Il grande aggiornamento gratuito mi ha fatto pensare “Ma questo Update è enorme. Perché è gratuito? Il gioco è uscito un anno e mezzo fa e Nintendo, con tutte queste cose, poteva tranquillamente pensare di lanciare un New Horizons 2”. Ma ecco che presentano un DLC ancora più grande, completamente innovativo. Davvero ricco ad un prezzo onesto. Vedendo il trailer mi aspettavo trenta o trentacinque euro ma per venticinque ne vale la pena.

Ora se a venticinque è un prezzo che ritengo giusto, quanto può essere interessante a cinque euro in meno? Il centro dell’analisi è questo: per noi che avevamo comunque intenzione di comprare Animal Crossing Happy Home Paradise, l’inclusione nel pacchetto aggiuntivo rende, lo stesso, indispensabile. Sostanzialmente, a parità di prezzo, considerando il DLC con una longevità di circa un anno, abbiamo gratuitamente i giochi Nintendo 64 e i giochi Mega Drive. Non possiamo dire di no. Come se non bastasse, nelle scorse settimane, scopriamo che le opere vintage gireranno a 60Hz quindi avremo una miglioria non da poco. È chiaro che per chi non ha Animal Crossing New Horizons, questo pacchetto aggiuntivo è molto meno interessante, ma, per i tanti abitanti dell’isola, il discorso cambia radicalmente.

Nintendo Switch Online + Pacchetto aggiuntivo è un servizio interessante per pochi ma, probabilmente, non ha ancora mostrato tutto ciò che ha da offrire

Inoltre, chi vi scrive, non crede che questo DLC resterà da solo. Anche Kirby, Bayonetta e Splatoon potrebbero vedere dei DLC inclusi. Supponendo questo, come potremmo dire di no? Ci troviamo davanti a quello che potrebbe essere il preludio di una strategia completamente nuova da parte di Nintendo, in cui il gioco base va comunque acquistato ma i DLC li abbiamo in abbonamento. Questa è solo un’idea, non avvalorata da alcun rumor, ma sembra ovvio che avere incluso uno, esattamente un solo DLC, sarebbe strano. Inoltre il noto insider Nintendo NateTheHat, continua ad insistere che arriveranno anche i giochi Game Boy. Aveva visto molto lungo sul Nintendo 64, perché quindi dovremmo dubitare di lui, come abbiamo già fatto?

In conclusione, è vero, oggi, chi non gioca ad Animal Crossing, vede questo Nintendo Switch Online + Pacchetto Aggiuntivo come un prodotto non molto interessante, ma sembra il preludio ad una nuova strategia e, fra un anno o un anno e mezzo, potremmo essere davanti ad un servizio molto diverso più ricco e completo. Continueremo a studiare con attenzione le prossime mosse di Nintendo che, dopo un 2020 e un inizio 2021 in cui sembrava stesse adagiandosi sugli allori, da un mese a questa parte ha cambiato notevolmente passo. Per conoscere tutto quello che ha in serbo per noi la casa di Kyoto restate su MonkeyBit o sui nostri canali social.

Nintendo Switch

El Camino

What's your reaction?

Developed by SpawnLab