MonkeyBit

Maratona Halloween: quattro titoli made in Japan da brivido

Halloween è alle porte! Quest’anno per rendere la vostra notte degli orrori ancora più inquietante, noi di MonkeyBit abbiamo selezionato quattro opere made in Japan che saranno in grado di farvi accapponare la pelle! Pensate che la cultura anime e manga non abbia nulla a che fare con una festività da brividi come Halloween? Niente di più errato! E ve lo dimostreremo.

Se siete appassionati otaku e horror addicted questi titoli sono perfetti per voi

Tomie

halloween

L’opera di Junji Ito è un classico del genere horror nel mondo degli anime e dei manga, è estremamente controverso, e di certo non è adatto ai deboli di cuore. La storia gira intorno a Tomie, una studentessa odiata dai suoi compagni per la sua arroganza e per il suo egoismo. Un giorno venne spinta dal suo fidanzato in un dirupo e, una volta toccato il suolo, il suo corpo in fin di vita viene fatto a pezzi dai suoi compagni di scuola e dal professor Takagi, per il quale la ragazza provava interesse. Il giorno dopo la sua uccisione, misteriosamente, Tomie si presenta a scuola, ma qualcosa è cambiato in lei. Infatti il suo obbiettivo diventerà quello di far innamorare di sé gli uomini, farli impazzire e indurli ad ucciderla, in questo modo sarà in grado di rigenerarsi all’infinito.

In Italia il manga è stato pubblicato nel 2006 da Hazard Edizioni e da J-Pop alla fine del 2017. Dal lavoro di Ito è stata tratta una serie di otto film, iniziata nel 1999 con Tomie, diretto da Ataru Oikawa.

 

Mieruko-chan The Girl That Sees “Them”

halloween

Quest’opera è la fusione perfetta di due generi agli antipodi: l’horror e la commedia. La storia parla di Miko, una classica studentessa delle superiori la cui vita viene sconvolta quando improvvisamente inizia a vedere mostri raccapriccianti. Nonostante la poverina sia terrorizzata, porta avanti la sua vita quotidiana, fingendo di non notare gli orrori che la circondano. Miko deve sopportare la paura per tentare di tenere al sicuro se stessa e la sua amica Mireku. Cosa succederà? Staremo a vedere!

È esilarante osservare le espressioni della protagonista ad ogni nuova comparsa di un mostro farfugliante in contesti variegati, come un pranzo in famiglia o una gara di ginnastica, ma cosa ancor più divertente sono proprio queste creature che non fanno altro che prendere in giro Miko-chan rendendo la sua missione sempre più difficile da realizzare. I disegni di Tomoki Izumi vi faranno mancare il fiato, questo è sicuramente un manga da leggere durante la notte delle streghe!

 

Deadman in Wonderland

halloween

Fantascienza, dramma e horror vanno a braccetto nell’opera di Jinsei Kataoka e Kazuma Kondou. Deadman in Wonderland non è adatta alle persone con lo stomaco debole dato che vi rivolterà come un calzino. Il protagonista della nostra storia, di nome Ganta, ingiustamente accusato di aver assassinato la sua intera classe, viene condannato a morte e spedito nella prigione “Deadman Wonderland”, che funge anche da lunapark, dove i detenuti vengono trattati in modo disumano e usati come attrazione per i visitatori. Le sadiche regole della prigione impongono a tutti di indossare un collare che inietta continuamente veleno, per scampare alla morte i detenuti devono assumere l’antidoto ogni tre giorni ma ottenerlo non è affatto semplice. Nella mente del protagonista iniziano a formarsi sempre più incognite sulla tragedia che lo ha condannato e sulla figura di colore rosso comparsa davanti ai suoi occhi un attimo prima del disastro. Con il passare del tempo Ganta diventerà sempre più ossessionato dall’uomo in rosso. Cosa succederà? Sta a voi scoprirlo!

L’adattamento animato è disponibile sulla piattaforma streaming di Netflix mentre il manga è stato pubblicato dalla Panini Comics sotto l’etichetta Planet Manga.

 

Perfect Blue

halloween

Perfect Blue è un thriller diretto da Satoshi Kon tratto dal romanzo omonimo del 1991 di Yoshikazu Takeuchi. La regia di Kon tende a confondere la realtà con la finzione, il reale con il virtuale, con lo scopo di far provare allo spettatore lo stesso senso di perdizione che avvolge la protagonista Mima per quasi l’intera durata del film. Mima Kirigoe è una idol insoddisfatta della sua carriera, che vorrebbe diventare un’attrice: infatti presto lascia il gruppo e inizia a recitare in una serie drammatica. Tuttavia alcuni fatti inquietanti iniziano ad avvenire: Mima riceve delle minacce, tra cui un fax che l’accusa di essere una traditrice, scopre l’esistenza di un sito internet chiamato Mima’s Room in cui qualcuno, con inquietante precisione, descrive le sue giornate nei minimi dettagli. Nonostante ciò, la carriera di attrice procede bene, fino al punto in cui le viene proposto di girare una scena di stupro. Ciò la sconvolge profondamente, al punto di renderla incapace di distinguere tra fantasia e realtà e inizia ad avere allucinazioni. La situazione peggiora ulteriormente quando alcune delle persone che avevano lavorato allo sceneggiato in cui lei recitava vengono ritrovate uccise brutalmente, e alcuni indizi fanno pensare che sia lei la colpevole. A causa del suo stato di instabilità mentale però lei non può confermare o smentire di aver commesso quei delitti, e per di più la presenza di un misterioso stalker si fa sempre più pressante. L’opera è estremamente attuale e non si direbbe prodotta nel 1997 per i temi di cui tratta.

 

E voi cosa ne pensate? Abbiamo reso il vostro Halloween ancora più spaventoso? Fatecelo sapere nei commenti! Continuate a seguire MonkeyBit per altri consigli come questi e per restare aggiornati sulle ultime news riguardanti il mondo degli anime e dei manga.

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab