MonkeyBit

Rainbow Six Siege
Loki

Loki Recensione Episodio 6: una fine che è un nuovo inizio

Quello di Loki è stato un viaggio altalenante, ricco di colpi di scena e un gran numero di citazioni e riferimenti. Settimana dopo settimana, l’antieroe meravigliosamente interpretato da Tom Hiddleston è stato in grado di conquistarci insieme alle sue numerose e variegate Varianti. Dopo WandaVision e The Falcon and The Winter Soldier, anche Loki ha raggiunto la sua conclusione, dopo sei appuntamenti settimanali incredibili.

A modo suo, lo scorso episodio ci ha offerto la possibilità di vivere un Marvel Cinematic Universe sempre più vicino alle pagine patinate dei fumetti, con numerosi personaggi che prendono vita sullo schermo. Con Sylvie (Sophia di Martino), Kid Loki (Jack Veal), Classic Loki (Richard E. Grant) e Alligator Loki (o Croki, se preferite) i Marvel Studios hanno raggiunto delle vette inaspettate, regalandoci dei protagonisti che non dimenticheremo facilmente.

Ma, nonostante tutto, gli interrogativi continuano ad assillarci. Chi si nasconde dietro la TVA? Andiamo a parlare insieme del sesto ed ultimo episodio di Loki, disponibile dal 14 luglio 2021, sulla piattaforma streaming Disney+. Prima di iniziare, vi consigliamo di recuperare gli editoriali che abbiamo realizzato per prepararsi alla serie, tra cui un recap generale sulle cose da sapere e un approfondimento sulle diverse versioni del personaggio.

Loki: l’inizio di una nuova era

Lo scorso episodio (di cui potete trovare qui la nostra recensione) ci ha accompagnati nel Vuoto. Un luogo che, apparentemente, è utilizzato dalla TVA come una discarica in cui gettare tutto ciò che è falciato dalle loro armi, tra oggetti, monumenti e numerose Varianti del Dio degli Inganni. Qui facciamo la conoscenza di alcune versioni del personaggio che, sebbene siano molto diverse tra di loro, condividono alcune caratteristiche comuni.

Una di queste, e quella che viene approfondita maggiormente, è la volontà dei Loki di fuggire dal proprio passato. Ci troviamo di fronte ad una nuova crescita del personaggio, un viaggio interiore che lo discosta sempre di più dal villain che ci era stato presentato all’interno del primo film di Thor. Proprio per questo, i protagonisti hanno intenzione di uscire da questa misteriosa dimensione per scoprire chi si nasconde davvero dietro al potere della TVA.

Loki

Dopo aver sconfitto Alioth, una mostruosa creatura che sorveglia il confine del Vuoto, Loki e Sylvie sembrano trovarsi di fronte alle risposte che cercano. Ad un passo dalla Cittadella alla Fine del Tempo, le incognite che ci seguono da circa sei settimane si fanno sempre più pesanti da sopportare. Chi è il vero burattinaio che si nasconde dietro alla Time Variance Authority? In che modo i nostri protagonisti affronteranno la loro sfida definitiva?

“Non voglio un trono, voglio solo che tu stia bene”

Non abbiamo intenzione di raccontarvi la rivelazione finale, ma è bene considerare che la conclusione di Loki getta le basi sul futuro del Marvel Cinematic Universe molto più di quanto fatto fino ad oggi all’interno della Quarta Fase (e, molto probabilmente, nel MCU in generale). Ci troviamo di fronte ad un’infinito numero di possibilità, e ora che le Varianti sono state ufficialmente presentate e messe in gioco le aspettative sono più alte che mai.

Quella che ci troviamo di fronte è una conclusione davvero inaspettata, che si lascia completamente alle spalle i momenti adrenalinici dello scorso episodio. Dimenticate il “glorioso” combattimento tra Alioth o quello tra le differenti Varianti del Dio degli Inganni (due delle scene più belle ed evocative dell’intera stagione, oltre a quelle più memorabili).

Loki

Quest’ultima puntata, infatti, è incentrata maggiormente sui dialoghi e sull’umanità dei personaggi, e ci accompagna in 40 minuti estremamente concitati e coinvolgenti. Quello che è riuscito a stupirci di più, tuttavia, è proprio la presentazione dell’antagonista principale. Una vera e propria sorpresa, la cui comparsa cambierà per sempre il Marvel Cinematic Universe come lo conosciamo.

Il finale di stagione di Loki supera le nostre aspettative e inizia a gettare prepotentemente le basi su un intero nuovo universo di infinite possibilità. L’introduzione del Multiverso, delle Varianti e di un grandioso gruppo di nuovi ed entusiasmanti personaggi ci fa ben sperare per il futuro del MCU, che con questa Quarta Fase raggiunge nuove vette dell’intrattenimento, toccando un numero sempre più vasto e variegato di fonti a cui attingere.

Loki: una fine che è un nuovo inizio

Anche se questo finale potrebbe non convincere o conquistare tutti i fan (come avevamo già visto anche con WandaVision, è difficile accontentare tutti), è impossibile non considerare che ci troviamo di fronte ad una conclusione entusiasmante anche per tutto ciò che significa per il futuro del Marvel Cinematic Universe (o Multiverse, arrivati a questo punto).

Sebbene ci sia molto da digerire, Loki ci offre un finale stimolante, soddisfacente e sbalorditivo, piazzandosi in cima alle nuove produzioni del Marvel Cinematic Universe. Ora tutti gli occhi sono puntati sulla seconda stagione, annunciata ufficialmente alla fine dell’episodio. Ci troviamo di fronte ad un arrivederci, pronti a scoprire quali saranno le prossime mosse del Dio degli Inganni e delle sue Varianti.

Rainbow Six Siege
El Camino

What's your reaction?

Developed by SpawnLab