MonkeyBit

Legends of Runeterra

Legends of Runeterra: guida e mazzi su Taliyah

La nuovissima espansione di Legends of Runeterra è in arrivo. Gli imperi degli Ascesi, con la regione di Shurima e più d’un centinaio di carte collezionabile sarà disponibile già dal 3 marzo 2021. Il nuovo pacchetto di carte giocabili uscirà infatti insieme alle note della patch 2.3.
Non è la prima volta che assistiamo alla rivelazione quasi contemporanea di due campioni singolarmente molto forti che però sembrano nati per funzionare insieme, ricorderete tutti infatti la sinergia pazzesca tra Soraka e Tahm Kench che era già evidente dal momento in cui furono presentati al pubblico. L’affinità tra Taliyah e Lissandra sembra seguire proprio quelle orme e le due sembrano poter camminare assieme verso i tier più alti del metagame. In questa guida parlaremo nello specifico della tessitrice di pietre, cercando di inquadrarla al meglio.

Punti di forza di Taliyah

Condizione di level up semplice. La nostra prima considerazione su Taliyah è che date le altre carte monumento di Shurima che esamineremo in questa guida, sommato al fatto che può livellare nel mazzo, la sua condizione di salire di livello è solo ingannevolmente complessa. La carta risulta, contrariamente alle apparenze, terribilmente affidabile, solida ed a dirla tutta può vedere gioco senza troppi problemi anche senza che il potenziamento avvenga.

Una volta che avviene il flip diventa davvero complesso gestirla. Una cosa che si potrebbe dire per quasi tutti i campioni ma che fa sempre molto piacere. Quando la condizione dello stesso flip è, come descritto in precedenza, molto semplice, allora la festa è doppia.

La sinergia coi monumenti è divertentissima e rivoluzionerà l’opera. Non solo forte ma anche divertente ed incredibilmente innovativa dal punto di vista meccanico, non si era mai vista una cosa simile su Legends of Runeterra. Ma non l’avremmo inserita nei punti di forza soltanto per la freschezza che porta nel titolo, è davvero una meccanica impattante che può svoltare le partite in maniera incredibile e forse in modi che neppure abbiamo ancora immaginato in fase di theorycrafting.

Un supporto incredibile. Della sinergia con Lissandra parleremo ampiamente più avanti in una guida dedicata a quest’ultima, provate ad immaginarvela invece in un mazzo Noxus a spalleggiare la Trifarian Assessor con una spaventosa armata di creature 5/4. Sta bene quasi ovunque purché ci siano monumenti da sdoppiare. Se non dovesse da sola arrivare ad essere la stella principale di un mazzo potrebbe farlo in maniera secondaria, aiutando moltissime liste a girare in maniera perfetta.

Non c’è molta competizione nel deserto. Uno dei difetti principali di Jarvan IV è avere sulla sua strada moltissimi campioni forti, probabilmente più forti di lui. La tessitrice di pietre non ha questo problema, non perché gli altri campioni di Shurima sono deboli o hanno un brutto design, non è affatto così, ma perché nessun altro potrebbe avere le stesse caratteristiche o occupare uno slot simile come invece succede spesso dalle parti di Demacia. Da questo punto di vista possiamo notare anche un miglioramento complessivo nella qualità del design, già altissima, del team di sviluppo di Legends of Runeterra.

Criticità di Taliyah

Le sue statistiche di base sono terribili. Non uno svantaggio così grave considerando che la maggior parte delle volte questa tempo loss sarà compensata con del valore istantaneo ed immediato sulla board di gioco, spesso il suo effetto può essere interpretato come “evoca un 5/4” nel peggiore dei casi. Pur sempre un lato negativo che è giusto evidenziare per cercare il pelo nell’uovo ad un campione che probabilmente dirà la sua.

Continuate a seguirci su MonkeyBit per tutte le novità dal mondo dei videogiochi e non solo. Restate aggiornati per non perdervi tutte le future guide su Legends of Runeterra e fateci sapere cosa ne pensate nei commenti o sui nostri social.

El Camino

What's your reaction?

Developed by SpawnLab