MonkeyBit

Baldo

Indie Reminder – Baldo

Questa settimana parliamo di un indie tutto italiano, realizzato tra l’altro da un team storico. Naps Team, fondato nel 1993 da Fabio Capone e Domenico Barba, si è fatto risentire più recentemente con la riproposizione di Gekido Kintaro’s Revenge, titolo arrivato originariamente nel 2002 su Game Boy Advance. Il futuro è però ora incentrato interamente su Baldo, gioco molto promettente la cui uscita merita di certo di essere ricordata in questa rubrica. Come sempre, andiamo quindi a parlare delle sue principali feature e i punti di forza che lo rendono un indie molto atteso, e non solo in Italia.

Baldo

A chi è indirizzato?

Per come si presenta, Baldo non può non attirare i fan dello Studio Ghibli e in generale dell’animazione giapponese, e questo non vale solamente per il suo stile artistico. È lo stesso contesto di gioco a ricordare le opere di Hayao Miyazaki, grazie ad un mondo fiabesco contenente creature di ogni genere. Nei trailer abbiamo potuto notare creature gigantesche, una rana “musicista”, un gatto stregone, piccoli esserini presenti nella natura e molto altro. Lato gameplay invece l’ispirazione è ricaduta maggiormente su The Legend of Zelda, visto anche l’apprezzamento degli sviluppatori per gli action adventure RPG. Gli appassionati di questo genere potrebbero trovare in Baldo un ottimo esponente.

Perché è da tenere d’occhio?

Il principale motivo per cui Baldo è da tenere d’occhio, oltre al fatto che è realizzato da un team talentuoso, credo sia proprio l’unione tra un gameplay à la The Legend of Zelda e un contesto narrativo e stilistico ispirato allo Studio Ghibli. Un connubio che sembra essere vincente, considerando la qualità delle ambientazioni, la varietà che sembra esserci nel combattimento e nelle interazioni con l’ambiente circostante, la presenza di rompicapi e di dungeon esplorabili, la pluralità di personaggi e nemici e la bellissima atmosfera fiabesca.

Baldo

Certezze e dubbi

Nonostante ci siano degli elementi ancora da chiarire riguardo le meccaniche di gioco, Baldo per ora ha mostrato già diverse qualità sia sul lato artistico che su quello delle idee, proponendo un mondo fiabesco originale tutto da scoprire e traendo ispirazione dai grandi dell’animazione giapponese, nonché da serie importanti come Zelda. Premesse che lasciano sicuramente maggior spazio a certezze che dubbi, soprattutto se consideriamo le abilità del team di sviluppo.

Data d’uscita e piattaforme di gioco

La più recente apparizione di Baldo risale allo scorso marzo quando, nel corso di un Indie World dedicato alle uscite indipendenti su Nintendo Switch, è intervenuto Fabio Capone a parlare del titolo e ad annunciare un’uscita in esclusiva temporale per la console ibrida nel corso dell’estate 2020. Purtroppo il gioco è stato poi rimandato a data ancora da destinarsi e dovremo quindi attendere ulteriori novità dagli sviluppatori in questo senso. È comunque molto recente un post positivo di Naps Team riguardante lo sviluppo dell’opera e un arrivo imminente di notizie, dunque l’attesa non dovrebbe essere troppo lunga. Oltre a Switch, Baldo arriverà anche su PlayStation 4, Xbox One e PC.

 

Per la rubrica Indie Reminder in precedenza abbiamo già parlato di: Cris Tales, Eastward, Sea of Stars.

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab