MonkeyBit

Hyrule Warriors: L'era della calamità

Hyrule Warriors: L’era della calamità Anteprima

Il 2020 di Nintendo è stato, fino ad ora, decisamente particolare per quanto riguarda la comunicazione. Un anno che, complice ovviamente la pandemia da coronavirus, non ha visto la presenza di alcun Direct principale, tipologia di presentazione che è stata invece sostituita da dirette minori o annunci improvvisi. Hyrule Warriors: L’era della calamità fa parte proprio di quest’ultima categoria e, vista l’assenza di rumor o leak precedenti alla notizia, si è rivelato essere una sorpresa davvero inattesa. Una sorpresa che ha fatto sicuramente piacere a tutti i fan di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, i quali potranno finalmente scoprire più nel dettaglio gli avvenimenti precedenti al celebre capolavoro uscito nel 2017. Analizzando il trailer e le prime informazioni ufficiali rilasciate dalla casa di Kyoto, andiamo quindi ad approfondire tutto quello che sappiamo sulla nuova esclusiva Nintendo Switch.

Hyrule Warriors: L'era della calamità

Uno spin-off canonico

Così come il precedente Hyrule Warriors, anche L’era della calamità è un musou sviluppato da Koei Tecmo. Tuttavia è presente in questo caso una differenza importante che potrebbe avvicinare al titolo anche chi solitamente rifiuta di approcciarsi al genere. Il maggiore coinvolgimento di Nintendo nel progetto, confermato dal producer Yosuke Hayashi, aggiunge infatti un peso sicuramente rivelante alle potenzialità del titolo. Il team che si occupa della serie The Legend of Zelda ha lavorato a stretto contatto con Koei Tecmo in ogni ambito del gioco, curando quindi anche grafica, ambientazioni e soprattutto gameplay.

Partendo da queste informazioni ci possiamo aspettare un prodotto che, pur mantenendo di base la tipologia di gameplay action della saga Dynasty Warriors, includa vari elementi provenienti dalla serie Nintendo e, in particolare, da Breath of the Wild. È infatti già confermato che saranno presenti attività particolari come ad esempio la risoluzione di rompicapi ambientali o la creazione di oggetti tramite materiali raccolti nel mondo di gioco. Non mancherà la possibilità di sbloccare armi e abilità per i personaggi, nonché di visitare negozi per acquistare del nuovo equipaggiamento.

Hyrule Warriors: L’era della calamità permetterà di giocare nei panni di Link, Zelda e dei quattro Campioni Daruk, Revali, Urbosa e Mipha. Ovviamente ognuno di loro avrà il proprio stile di combattimento e, soprattutto nel caso della principessa, si può notare anche l’utilizzo della tavoletta Sheikah. Grazie ad essa sarà possibile ad esempio lanciare bombe da far esplodere a distanza, bloccare i nemici nel tempo o scagliargli contro oggetti con l’utilizzo del kalamitron. Questi elementi presi dall’ultimo titolo della serie potrebbero ben amalgamarsi con le meccaniche hack and slash tipiche del musou, anche se abbiamo visto troppo poco per poter esprimere una reale opinione in merito.

Il trailer permette anche di dare un’occhiata alle nuove cutscene, dandoci anche un piccolissimo assaggio del doppiaggio inedito. La storia, ambientata cento anni prima rispetto agli eventi di Breath of the Wild, è di certo uno degli aspetti più interessanti del titolo, anche considerando che la qualità grafica e delle scene sembra essere al pari di ciò che abbiamo potuto ammirare tre anni fa.

Hyrule Warriors: L'era della calamità

Tenendo presente l’arrivo di ulteriori novità al termine del mese, sono certamente presenti vari dettagli che ancora non sono stati completamente svelati. Sarà curioso capire l’effettiva qualità degli elementi “zeldiani” presenti nell’opera e soprattutto il modo in cui il tutto sarà incorporato nel gameplay. Ad esempio, sarebbe interessante se fosse presente una vera e propria componente esplorativa, la quale sarebbe coerente sia con le informazioni ufficiali riguardanti enigmi ambientali e materiali da scovare che con la stessa natura open world di Breath of the Wild. Inoltre si tratta dell’unica, grande occasione di poter esplorare la Hyrule non ancora devastata dalla calamità Ganon, con un’ambientazione che porterà probabilmente molte novità nei luoghi che la compongono. Se questa potenzialità fosse ben sfruttata, sarebbe un altro ottimo punto a favore dell’opera, che diventerebbe ancora più appetibile ai fan della serie.

Ultimo aspetto da tener presente è la presenza della modalità cooperativa, grazie alla quale si potranno affrontare le orde di nemici anche in compagnia. Non ci resta ora che aspettare ulteriori informazioni che, come già accennato in precedenza, non si faranno attendere molto. Nuovi dettagli arriveranno infatti il 26 settembre, mentre l’uscita del gioco è prevista per il prossimo 20 novembre in esclusiva su Nintendo Switch.

El Camino

What's your reaction?