MonkeyBit

Halo Infinite

Halo Infinite Recensione del multiplayer: un classico ancora divertente

Il comparto multiplayer di Halo Infinite è arrivato sulle piattaforme Microsoft in anticipo rispetto alla sua modalità campagna. Prima della sua uscita, molte persone avevano dei dubbi su come sarebbe stato e non sono stati per niente clementi. Noi non siamo mai stati d’accordo, tralasciando il fatto che siamo grandi amanti della serie, ma anche perché provandolo durante il periodo di beta chiusa, tramite il programma Halo Insider, abbiamo constatato il fatto che sarebbe potuto essere una piccola perla in un panorama dominato da ormai determinate tipologie di videogiochi.

343 Industries aveva idee molto specifiche su come doveva essere composto l’impianto multiplayer di Halo Infinite e nonostante le critiche mosse ai primi trailer dimostrativi del gameplay, gli sviluppatori hanno continuato il loro lavoro senza deviare dal loro obiettivo, e il 15 novembre 2021 è stato rilasciato gratuitamente. Questa scelta ha sorpreso tutta la community, anche se effettivamente è un ottima strategia per attirare molti giocatori, magari avvicinandoli al brand e convincerli ad acquistare anche la modalità campagna.

Tuttavia, il risultato è stato molto apprezzato da critica e giocatori, diventando uno dei titoli più giocati su Steam, con tutte le dovute ragioni a parer nostro. Se lo dovessimo descrivere con poche parole, possiamo dire che è già un classico, ma che rimane ancora oggi divertente e gradevole anche per chi non ha mai toccato un Halo.

Quest’opera è molto particolare perché nonostante sia soltanto multigiocatore del gioco completo, ha comunque una sua storia, ambientata contemporaneamente alla campagna. Non sappiamo bene come, però il nostro personaggio sarà uno spartan in addestramento che dovrà aiutare Master Chief nella sua battaglia per la salvezza della razza umana. Ogni modalità sarà quindi una tipologia diversa di esercitazione, ad esempio il cattura la bandiera, conquistare le roccaforti nemiche o proteggere il VIP con il teschio.

Il gameplay è classico del brand di Halo, con scudi energetici, armi al plasma ma con qualche piccola modifica: i potenziamenti che abbiamo visto nei trailer fin’ora usciti saranno subito disponibili, e ci forniranno dei vantaggi tattici contro i nostri avversari. Il rampino è uno dei più utili, grazie alla possibilità che ci offre per riposizionarci, avvicinarci ai nemici e aggrapparci ai veicoli permettendoci di disarcionare i piloti. Altrimenti possiamo optare per una barriera portatile oppure per un respingente, che consente di rinviare i proiettili o gli esplosivi al legittimo proprietario.

Modalità classiche ma più grandi

Le modalità sono riunite in due grandi tipologie di partita, ovvero la classica Partita Rapida e Big Team Battle, senza contare quelle classificate che sono praticamente le stesse del primo insieme. Nel primo caso le mappe sono di una dimensione contenuta, adatto per un PvP ad 8 giocatori contro altri 8. Le partite possono essere Deathmatch a squadre, Cattura la bandiera, Conquista la fortezza e Teschio, tutte modalità basilari di tutti gli FPS se escludiamo l’ultima citata, che è un marchio di fabbrica di Halo: consiste nel mantenere il teschio il più tempo possibile e proteggere chi lo sta tenendo.

Nel secondo caso invece le mappe sono molto ampie, perché dovranno contenere 24 giocatori e di conseguenza saranno presenti tutti i veicoli. Dopotutto, attraversare la mappa a piedi sarebbe troppo lento e noioso (non è vero, Battlefield 2042?). Qui le modalità sono le stesse delle normali ma il tutto più in grande, tranne alcune che anche se sono in zone molto larghe esistono solo per questa tipologia di partita, come scorte, che a parer nostro è davvero molto interessante: consiste nel portare dei semi di energia alla propria base impendendo ai nemici di fare lo stesso.

Halo Infinite

Per quanto riguarda le armi, ne abbiamo davvero in abbondanza e per tutti i gusti; ogni volta che inizieremo la partita partiremo con la dotazione standard della fanteria UNSC, fucile d’assalto e pistola. Queste, a nostro avviso, sono già armi ottime, e infatti nelle mani giuste possono essere letali. Tuttavia nel campo di battaglia ci saranno degli spawn che ci permetteranno di poter cambiare arma. Abbiamo oltre le armi umane, anche quelle al plasma, iconiche del brand per essere usate dai covenant, gli alieni che fin dai primi capitoli cercheranno di sterminare la razza umana.

Queste ultime saranno particolarmente potenti, soprattutto la pistola ad aghi e quella al plasma. La prima perché è quasi impossibile da battere in uno scontro diretto, la seconda ha molteplici utilizzi: scaricare istantaneamente gli scudi avversari con un colpo caricato e fungere da EMP sui veicoli utilizzando il medesimo meccanismo. Inoltre, ci sono anche delle armi speciali, che arriveranno sul campo di battaglia in punti specifici, come la lama energetica, il lanciarazzi e il fucile da cecchino. Non serve specificare che sono molto forti e potrebbero ribaltare le sorti di una partita.

In Halo Infinite possiamo personalizzare anche quanti arti abbiamo perso in battaglia

Halo Infinite ha anche un ottimo comparto personalizzazione, dove armatura, skin dei viecoli e delle armi, tutto può essere cambiato in base ai nostri gusti. Per la corazza però non si tratta solo di colorazione diversa come risulterà essere poi per tutto il resto, infatti possiamo anche sostituire tutte le parti, a partire dal casco fino alle scarpe. Possiamo anche decidere anche se il nostro personaggio avrà delle protesi meccaniche al posto degli arti superiori ed inferiori, senza contare che possiamo anche stabilire la forma e la voce della nostra intelligenza artificiale, che ci accompagnerà durante il corso delle partite.

Per quanto riguarda il Gunplay, riteniamo che in tutte le prove che abbiamo effettuato del titolo sia molto ben strutturato. Ogni tipologia di arma ha un metodo di fuoco, ad esempio: i proiettili delle armi umane hanno un peso e se il bersaglio sarà troppo lontano dovremo compensare oppure non lo colpiremo. Le pistole al plasma hanno proiettili più lenti ma fanno molti danni agli scudi e bloccano i veicoli, gli aghi inseguono la vittima e se se ne conficcano 7 nel giro di pochi secondi si crea una gigantesca esplosione che vi ucciderà all’istante. Le armi speciali invece sono molto potenti, ma al contempo anche abbastanza difficili da utilizzare dato che molto spesso richiedono una distanza corpo a corpo, in altri casi una mira molto buona per essere efficaci.

Halo Infinite

Graficamente siamo arrivati a livelli altissimi, soprattutto nei dettagli sia dei modelli dei personaggi che in quelli degli oggetti che vanno a formare i vari ambienti. Questi ultimi sono anche molto vari, con diversi ecosistemi che molto probabilmente si potrebbero ripresentare nella modalità campagna che arriverà l’8 novembre 2021. Halo Infinite ci ha sorpresi molto positivamente, l’unica pecca che abbiamo trovato in quest’opera è che non possiamo scegliere la modalità in cui metterci in coda.

Sembra una cosa da poco, ma per alcune missioni del battle pass che ci chiederanno di fare partite in una determinata modalità, questo potrebbe risultare frustrante dato che dovremmo uscire e ritrovare altre sessioni e sperare di trovare casualmente quella che serve a noi. Dobbiamo ammettere che giocare questo multiplayer sta facendo salire moltissimo la nostra curiosità riguardante la campagna, chissà cosa 343 Industries ha in serbo per noi. Voi cosa ne pensate? Siete ansiosi di giocare alla campagna di Halo Infinite? Il multiplayer è di vostro gradimento? Fatecelo sapere con un commento qui sotto e rimanete sintonizzati su MonkeyBit.

The Review

9.5
Halo Infinite Multiplayer

Conclusione

Halo Infinite Multiplayer è un titolo adatto a qualsiasi tipologia di giocatore appassionato di sparatutto. Veloce, divertente e con molte modalità di gioco diverse, graficamente ottimo e soprattutto gratuito su tutte le piattaforme su cui è disponibile. Non è perfetto ma nonostante tutto è un'opera che vale la pena essere giocato.
El Camino

What's your reaction?

343 Industries
0
Alter Ego Games
0
Animal Crossing
0
Ariete
0
Assassin's creed Valhalla
0
Attacco dei Giganti
0
Bad Robot
0
Baywatch
0
Call of Duty: Warzone
0
Capcom
0
CD PROJECT RED
0
CD Projekt RED
0
Cold War Zombie
0
Cold War Zombies
0
Crunchyroll
0
Crystal Dynamics
0
Cyberpunk 2077
0
Dave Chappelle
0
Devil May Cry
0
Devolver
0
Disney+
0
Dog of Widsom
0
Dungeon Crawler
0
edizioni
0
Electr
0
Emerald Fennell
0
Frontier
0
Genda
0
Genshin Impact
0
GiGO
0
Giochi da Tavolo
0
Grezzo
0
Halo infinite
0
Harry Potter
0
Hypostatic Symphony
0
Iron Man
0
Kadokawa
0
kaguya sama love is war
0
Krafton
0
L'Attacco dei Giganti
0
La vita è meravigliosa
0
Legends of Runeterra
0
LGBTQ
0
Loki
0
Loop Hero
0
Mandarino
0
manga
0
Marvel Cinematic Universe
0
Marvel Comics
0
MCU
0
miHoYo
0
Mokadelic
0
Monster Hunter Rise
0
Natale 2020
0
Netflix
0
New Horizons
0
Ninendo
0
Nintendo
0
Nintendo Indie World
0
Nintendo Switch
0
NOW TV
0
NVIDIA DLSS
0
PC
0
peaky blinders
0
Persona
0
Phantasy Star
0
Planet Manga
0
Planet Zoo
0
PlayerUnknown's Battlegrounds
0
Playstation 4
0
PlayStation 5
0
PlayStation Now
0
PlayStation Plus
0
Pokèmon
0
Preorder
0
PUBG
0
Re:ZERO
0
Re:ZERO Starting Life in Another World
0
Riot Games
0
Riven
0
Romulus
0
Sega
0
Serendipity
0
Shang-Chi
0
Skies of Arcadia
0
Sky
0
Sony
0
Spider
0
Spider-man Miles Morales
0
Square Enix
0
Steam
0
Steven Knight
0
Summertime
0
Super Mario
0
The Faceless
0
The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel
0
Tokyo Game Show 2021
0
Tokyo Godfathers
0
Tomb Raider
0
Treyarch
0
ubisoft
0
Un amore tutto suo
0
Universal Studios
0
Viktor
0
Wario Ware Get It Together
0
Warner Bros
0
Xbox
0
Xbox Series X/S
0
Zatanna
0
Zelda
0
Zoe
0

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab