MonkeyBit

Eddie Awards 2020

Eddie Awards: Parasite e Jojo Rabbit vincono

Continua la Season Award. Questa notte si sono tenuti gli Eddie Awards. Questi premi decretano i vincitori per quanto concerne i montaggi cinematografici e televisivi migliori dell’anno trascorso. Questi premi, come i Golden Globes, si suddividono in drama e comedy. Parasite ha vinto per il settore drama superando gli altri candidati: Le Mans ’66 – La Grande Sfida, The Irishman, Joker e Storia di Un Matrimonio. Invece Jojo Rabbit ha battuto gli altri candidati della sezione comedy: Dolemite Is My Name, The Farewell – Una Bugia Buona, Cena con Delitto – Knives Out e C’Era Una Volta a… Hollywood.

Ricordiamo che i candidati all’Oscar per il montaggio sono The Irishman, Joker, Le Mans ’66 – La Grande Sfida, Parasite e Jojo Rabbit. I due vincitori degli Eddie Awards sono entrambi presenti e questi potrebbero segnare una previsione degli Academy Awards. Inoltre negli ultimi 15 anni, 11 volte il miglior montaggio in un film drama ha vinto anche l’Oscar. Di seguito tutti i vincitori degli Eddie Awards.

Miglior montaggio in un film drama

  • Parasite, Jinmo Yang
  • Le Mans ’66 – La Grande Sfida, Michael McCusker e Andrew Buckland
  • The Irishman, Thelma Schoonmaker
  • Joker, Jeff Groth
  • Storia di Un Matrimonio, Jennifer Lame

Miglior montaggio in un film comedy

  • Jojo Rabbit, Tom Eagles
  • Dolemite Is My Name, Billy Fox
  • The Farewell – Una Bugia Buona, Michael Taylor e Matthew Friedman
  • Cena con Delitto – Knives Out, Bob Ducsay
  • Once Upon a Time in Hollywood, Fred Raskin

Miglior montaggio in un film d’animazione

  • Toy Story 4, Axel Geddes
  • Frozen II – Il Segreto di Arendelle, Jeff Draheim
  • Dov’è Il Mio Corpo?, Benjamin Massoubre

Miglior montaggio in un documentario (lungometraggio)

  • Apollo 11, Todd Douglas Miller
  • American Factory, Lindsay Utz
  • Linda Ronstadt: The Sound of My Voice, Jake Pushinsky e Heidi Scharfe
  • Making Waves: The Art of Cinematic Sound, David J. Turner e Thomas G. Miller

Miglior film documentario (piccolo schermo)

  • What’s My Name: Muhammad Ali, Jake Pushinsky
  • Abducted in Plain Sight, James Cude
  • Bathtubs Over Broadway, Dava Whisenant
  • Leaving Neverland, Jules Cornell

Miglior montaggio in una serie comedy per la tv commerciale

  • Better Things: “Easter,” Janet Weinberg
  • Crazy Ex-Girlfriend: “I Need To Find My Frenemy,” Nena Erb
  • The Good Place: “Pandemonium,” Eric Kissack
  • Schitt’s Creek: “Life is a Cabaret,” Trevor Ambrose

Miglior montaggio in una serie comedy per la tv non commerciale

  • Fleabag: “Episode 2.1,” Gary Dollner
  • Barry: “berkman > block,” Kyle Reiter
  • Dead to Me: “Pilot,” Liza Cardinale
  • Russian Doll: “The Way Out,” Todd Downing

Miglior montaggio in una serie drama per la tv commerciale

  • Killing Eve: “Desperate Times,” Dan Crinnion
  • Chicago Med: “Never Going Back To Normal,” David J. Siegel
  • Killing Eve: “Smell Ya Later,” Al Morrow
  • Mr. Robot: “401 Unauthorized,” Rosanne Tan

Miglior montaggio in una serie drama per la tv non commerciale

  • Game of Thrones: “The Long Night,” Tim Porter
  • Euphoria: “Pilot,” Julio C. Perez IV
  • Mindhunter: “Episode 2,” Kirk Baxter
  • Watchmen: “It’s Summer and We’re Running Out of Ice,” David Eisenberg

Miglior montaggio per una miniserie o film televisivo

  • Chernobyl: “Vichnaya Pamyat,” Jinx Godfrey & Simon Smith
  • Fosse/Verdon: “Life is a Cabaret,” Tim Streeto
  • When They See Us: “Part 1,” Terilyn A. Shropshire

Miglior montaggio per un programma tv

  • VICE Investigates: “Amazon on Fire,” Cameron Dennis, Kelly Kendrick, Joe Matoske, Ryo Ikegami
  • Deadliest Catch: “Triple Jeopardy,” Ben Bulatao, Rob Butler, Isaiah Camp, Greg Cornejo, Joe Mikan
  • Surviving R. Kelly: “All The Missing Girls,” Stephanie Neroes, Sam Citron, LaRonda Morris, Rachel Cushing, Justin Goll, Masayoshi Matsuda, Kyle Schadt

Restate sintonizzati su MonkeyBit per altre news su cinema, serie tv e videogiochi.

Eddie Awards vincitori

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.