MonkeyBit

Commandos 2 HD Remaster

Commandos 2 HD Remaster Recensione

Ormai son passati ben diversi anni da quando la serie Commandos faceva il suo debutto per la prima volta su PC nel lontano 1998. Da allora il panorama mondiale dei titoli strategici ha subito una vasta quantità di cambiamenti sotto molteplici aspetti, sia di stile grafico che di gameplay, non abbandonando comunque mai quella che era la sua natura originale, ovvero quella di raccontare storie indimenticabili. Con questa premessa iniziale, analizzando la libreria di titoli presenti su Nintendo Switch, non possiamo non constatare quante differenti esperienze esistano in termini di giochi sulla console di punta nipponica. Una libreria varia, diversificata, forte di titoli indimenticabili, produzioni di terze parti e senza dimenticare l’enorme qualità nelle opere esclusive Nintendo che ancora oggi riescono a convincere i videogiocatori di tutto il mondo con la loro enorme qualità impareggiabile.

Tra tutti questi progetti arriva finalmente un nuovo titolo strategico, una rimasterizzazione per meglio dire, che abbraccia completamente la natura portatile di Nintendo Switch, stiamo parlando di Commandos 2 HD Remaster che noi di MonkeyBit recensiremo per voi.

La guerra non cambia mai

La storia di Commandos 2, sequel diretto del primo capitolo, propone niente meno che un periodo importante della nostra storia, la Seconda Guerra Mondiale, mostrandola in maniera sommaria. Nel corso della nostra avventura dovremo affrontare spinose missioni ben strutturate per riuscire a sopraffare in maniera quasi definitiva il Terzo Reich. Tali mosse saranno fondamentali perché, così facendo, potremo consegnare la vittoria a tutti gli alleati contro la macchina nazista che stava sottomettendo quell’orrendo periodo storico.

Come potrete ben comprendere non entriamo troppo nei dettagli delle differenti missioni che vi verranno proposte, vi vogliamo lasciare un minimo di sorpresa, ma nel complesso forse si poteva organizzare diversamente la linea narrativa. Un periodo complesso come la Seconda Guerra Mondiale poteva essere gestito meglio. Certo il peso dell’età sulle spalle di questo progetto si sente: il titolo originale non in versione rimasterizzata è uscito nel lontano 2002 e in questa nuova release viene riproposto tale e quale come era all’epoca.

Un gameplay invecchiato e complesso su Nintendo Switch

Questo titolo, sebbene originariamente sia uscito in primis su PC, ora a distanza di anni è disponibile su tutte le piattaforme, ma la complessità di questo passaggio si sente davvero molto, specialmente sul lato del gameplay. In ogni missione avremo il compito di gestire un gruppo di soldati scelti con differenti abilità, le quali vi verranno spiegate grazie a missioni specifiche iniziali. Queste avranno funzione di tutorial, che serviranno ad aiutarvi ad avvicinarvi in maniera semplice a questa esperienza.

Tornando ad analizzare la componente del gameplay, tra i vari personaggi che potrete usare nei vostri stage ci saranno:

  • Il ladro: veloce, piccolo e agile grazie al quale potrete arrampicarvi su pareti a strapiombo, saltare tra le finestre e strisciare attraverso piccoli spazi.
  • Il geniere: esperto in demolizioni, il geniere è in grado di utilizzare qualsiasi tipo di esplosivo, come bombe a orologeria, comandate a distanza, granate e mine. Grazie al suo addestramento potrà scovare e disinnescare le mine se ovviamente si possiederà un rilevatore.
  • Il pilota: come si dice in questi casi, pilota di nome e di fatto. Non solo è in grado di pilotare auto, carri armati e velivoli, ma è capace di usare anche granate a gas e fumogeni oltre a tante altre armi che scoprirete durante la vostra avventura.
  • Il leggendario berretto verde: Il più abile di tutti, il berretto verde è il soldato più versatile ed è in grado di usare una grande varietà di armi e oggetti. Può rapidamente mettere fuori combattimento e legare guardie, oscillare i cavi telefonici e tanto altro ancora.

Ma le sorprese non sono finite qui: infatti questi sono solo alcuni dei personaggi più rappresentavi che utilizzerete nel corso delle vostre partite. Per quanto riguarda la visuale in game, si mostra come la classica di ogni strategico che si rispetti, isometrica o fissa in base alle circostanze.

Per completare ogni vostra missione sarà sufficiente quindi riuscire a portare a compimento ogni obbiettivo che vi sarà richiesto a inizio stage, e la difficoltà di questi sarà settabile nelle opzioni, così da poter rendere la vostra esperienza il più agevole possibile.

Comparto tecnico promosso su Nintendo Switch

La versione di Commandos 2 HD Remaster per Nintendo Switch riesce a dimostrarsi all’altezza del suo compito in fase di recensione. Certo, dobbiamo comunque tener conto il fatto che ci troviamo di fronte ad un titolo che è stato rinnovato solamente sul lato puramente estetico, ma nel complesso su questo punto di vista ci sentiamo di promuoverlo in ogni caso.

Nulla di straordinario, il compito principale degli sviluppatori era quello di far scoprire ai nuovi giocatori questa esperienza e far ritornare un po’ di nostalgia a tutti coloro che questa serie non la hanno mai dimenticata. Sia in modalità docked che in portatile non abbiamo avuto grossi problemi, la risoluzione varia da 1080p a 720p, con quest’ultima che grazie a Nintendo Switch Lite viene premiata maggiormente vista la minor grandezza dello schermo rispetto alla Switch originale.

Infine sul discorso dell’input lag non abbiamo nulla da dire, dato che sia il Nintendo Switch Pro Controller che i semplici Joy-Con rispondono perfettamente a ogni nostro minimo comando, sebbene manchi il supporto al touch screen, a nostro avviso una notevole mancanza che poteva giustificare maggiormente l’approdo sulla console targata Nintendo. Nota di merito per quanto riguarda il doppiaggio in italiano, ancora oggi di enorme qualità, e anche il comparto sonoro si dimostra soddisfacente per gli standard attuali dell’odierna generazione di console.

Il riposo dopo la guerra

Arrivando alla conclusione della nostra recensione, noi di MonkeyBit vi consigliamo l’acquisto di Commandos 2 HD Remaster, un’ottima operazione nostalgica che ancora oggi può funzionare sebbene la natura originale del titolo non venga cambiata assolutamente. Siete amanti del genere? Non pensateci due volte, non ve ne pentirete di questa spesa neanche su Nintendo Switch. Fateci sapere cosa ne pensate di questa perla impacchettata di nostalgia qui nei commenti in calce, e ricordate di rimanere connessi sul nostro sito per essere sempre aggiornato riguardo tutte le novità del mondo videoludico.

Commandos 2 HD Remaster Recensione
6.5 / 10 VOTO
PRO
    - Su Nintendo Switch Lite rende maggiormente
    - La storia della Seconda Guerra Mondiale rimane sempre affascinante
    - Ancora oggi si dimostra un buon titolo strategico
CONTRO
    - Il gameplay sente il peso degli anni
    - Alla lunga può risultare leggermente tedioso
    - Nessun contenuto esclusivo per Nintendo Switch
VOTO

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab