MonkeyBit

Captain Tsubasa

Captain Tsubasa: guida definitiva

Captain Tsubasa non ci sta facendo solo divertire come dei bambini, ma sta riaccendendo in noi una fiammata di ricordi che raramente vediamo. Il titolo è molto interessante, anche se in certi punti potrebbe risultare estremamente complesso per chi non si è mai interfacciato ad un gioco di calcio così arcade e spensierato. Abbandonate quindi il realismo di FIFA o PES insieme a noi, per buttarvi a capofitto in questa nuova avventura.

Imparare i comandi è fondamentale

Questo punto forse può sembrarvi estremamente scontato, ma non è così, fidatevi. I comandi di Captain Tsubasa saranno completamente diversi se siamo in attacco oppure in difesa, e se sfruttati al meglio ci assicureranno sicuramente più partite.

Comandi offensivi

Se alcuni di questi potrebbero essere chiari a tutti sin da subito, altri lasciano qualche perplessità. Prima tra tutti abbiamo la particolarissima meccanica del dribbling che vedremo meglio nel prossimo paragrafo. Con i comandi della parte destra del controller controlleremo i passaggi e il tiro, con quella sinistra invece cambieremo le tattiche di gioco. I passaggi verranno effettuati al giocatore alleato più vicino nel caso si utilizzi la X, ad uno molto avanti nel campo con cerchio, mentre con triangolo si eseguirà un passaggio filtrante. Gli esperti di simulatori calcistici sapranno già di cosa si tratta, in sostanza si passa la palla ad un alleato che ha già preso iniziativa e sta avanzando.

Ognuno di questi, esclusa la X, ha due possibili utilizzi, attivabili premendo e rilasciando immediatamente oppure tenendo premuto. Prima abbiamo parlato del primo caso, ora analizziamo il secondo, dato che potrebbe fornire risvolti davvero interessanti. Tenendo premuto il triangolo attiveremo una catena di passaggi che continuerà fino a che non termineranno i giocatori disponibili. Tenendo premuti i tasti quadrato o cerchio attiveremo una versione potenziata di quelle determinate azioni che consumeranno spirito, ma anche di questo ne parleremo meglio dopo.

 

Comandi difensivi

Anche se il vostro avversario ha preso la palla, non andate nel panico, dato che anche voi avrete a disposizione un gran numero di scelte possibili. Con X potremo seguire l’avversario più vicino con la palla, e con quadrato potremo incaricare un nostro alleato di farlo insieme a noi. Con triangolo potremo ordinare al nostro portiere di buttarsi e, nel caso sia un tiro normale, il nostro tempismo è fondamentale.

Dribbling e Scatti

Questa meccanica è fondamentale, e apprenderla fin da subito può aiutarci ad allenare meglio le nostre abilità. I dribbilng sono i movimenti fatti da un giocatore in attacco per non farsi rubare la palla e sono fondamentali per mantenere le nostre azioni fluide ed efficienti. Con R1, R2  comanderemo queste azioni speciali eseguibili consumando spirito. Questa barra si caricherà con il tempo, se si sta parlando dei giocatori, mentre per il portiere bisognerà aspettare l’intervallo oppure un gol subito. Usare con parsimonia queste meccaniche è quindi essenziale, ma vediamole subito da vicino. Con R1 farete il normale dribbling per scartare il vostro avversario, fermabile rispondendo con R1 o con cerchio. Se userete invece R2 consumerete molto più spirito ma farete dribbling migliori che il difensore nemico può fermarvi solo con R2 sacrificando comunque molto spirito.

In sostanza i dribling e gli scatti sono guerre di resistenza che noi vi consigliamo sempre di valutare bene anticipatamente. Trovarsi in mezzo ad un’azione problematica senza spirito significa perdere la palla, quindi lasciate il lavoro ad altri giocatori. A differenza degli altri titoli caclistici dovrete fare voi tutto, quindi assicuratevi di avere una tattica di squadra con dei player in difesa con cui potersi cambiare.

 

Zona-V e Super parata

Abbiamo deciso di mettere insieme queste due meccaniche perché si utilizzeranno entrambe con L2. La seconda, come avrete già intuito, ci permetterà di eseguire una super parata  che consumerà molto potere della Zona V, di cui parleremo dopo. Usate questa mossa quando non dovete assolutamente prendere gol e tenetevi l’indicatore pronto per eseguirla nelle ultime fasi. Una rimonta all’ultimo minuto non piace a nessuno, ma su Captain Tsubasa sarà molto plausibile quindi attenti.

A livello offensivo, con L2 attiveremo la Zona-V che potenzierà di molto tutta la squadra. Le barre spirito si ricaricheranno più rapidamente, i dribbling saranno molto più veloci e i tiri più rapidi e quindi imprevedibili. Usate questa meccanica con parsimonia ogni volta che siete in vantaggio e non avete paura di prendere gol.

Captain Tsubasa

 

Bene ragazzi, siamo giunti al termine di questa guida introduttiva a Captain Tsubasa di Bandai Namco. Come al solito vi invitiamo a farci sapere cosa ne pensate sui nostri social e per non perdervi altri contenuti del genere rimanete connessi su MonkeyBit.

Captain Tsubasa

 

 

 

El Camino

What's your reaction?

Comments

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab