MonkeyBit

Blizzard Arcade Collection

Blizzard Arcade Collection: Recensione di una pagina di storia

Blizzard Arcade Collection è uno di quei pacchetti che gli appassionati di retrogaming non si possono di certo far mancare. Tre giochi classici al prezzo di un indie è un’offerta molto allettante sia a livello storico che puramente ludico. Parliamoci chiaro, non tutti riusciranno a emozionarsi giocando alla Blizzard Arcade Collection e forse non tutti sapranno divertirsi. Il conto è un altro però e se oggi Blizzard è una delle più grandi case produttrici videoludiche è anche grazie a questi tre semplici titoli. Recensirli nel 2021 è un’impresa molto ardua ma è proprio in quest’anno che la collezione è uscita e quindi dobbiamo inquadrarli come titoli recenti. Abbiamo parlato anche troppo però quindi addentriamoci subito nella magia degli anni ’90, accendiamo il nostro Super Nintendo, e iniziamo a giocare.

I giochi disponibili in Blizzard Arcade Collection

The Lost Vikings è stato il secondo gioco che Blizzard Entertainment ha creato nella sua storia. La trama è davvero molto semplice e racconta di tre vichinghi, abituati a vivere cacciando e stando con le loro mogli, che ad un certo punto vengono rapiti dagli alieni. Questi vorranno analizzare tutte le forme di vita disponibili e loro, per sottrarsi da queste torture, decideranno di scappare, con non pochi inconvenienti. Lo stile di gioco è tanto semplice quanto atipico e ci permette di usare tutti e tre i vichinghi distintamente. Ognuno di questi sarà dotato di abilità speciali e peculiari del loro ruolo nel villaggio al quale sono stati sottratti. Il primo sarà molto agile e veloce e come abilità possederà il salto e la possibilità di sfondare muri e nemici dopo una rincorsa. Il secondo sarà il più feroce e avrà a disposizione ben due attacchi, uno da vicino con una spada e uno da lontano con arco e frecce. Il terzo sarà riconosciuto come il più resistente dato che sarà fornito di uno scudo in grado di parare tutti gli attacchi, ma anche in grado di farlo planare e di essere usato come piattaforma sul quale salire dagli altri vichinghi. Il gioco si sviluppa come un puzzle a livello, di stampo molto semplice ma con soluzioni offerte mai banali. Per riuscire dovremo incatenare perfettamente tutte le caratteristiche dei tre personaggi cercando di sfruttare ogni singola abilità. Farlo non sarà complesso come su Heroes of The Storm ma ci siamo capiti. Una grande pecca di questo gioco sta nella mancanza di checkpoint durante un livello. Nel caso un nostro vichingo morisse potremo comunque continuare ma alla fine dovremo rifare il livello. Questo crea dei momenti non poco frustranti e delle situazioni in cui ripeteremo tantissime volte un livello solo per capire come superarlo, e questi non sono sempre facili e veloci.

Blizzard Arcade Collection

Il secondo gioco offerto è Rock N’Roll Racing, questo alla fine dei conti è un semplice titolo di corse ma che offre una personalizzazione davvero ottima. Nella modalità storia dovremo affrontare diverse gare aliene e nel mentre potenziare la nostra auto . Questa avrà una struttura modulare e ci permetterà di intervenire su ogni caratteristica singolarmente. Per un upgrade istantaneo la scelta migliore è sicuramente l’acquisto di una nuova auto, ma quanto è facile ottenere i soldi necessari? Forse meno di quanto potremmo pensare, dato che per averli dovremo vincere le gare che ci verranno proposte. Queste saranno presentate con una visuale isometrica molto interessante e facilmente capibile anche dai giocatori moderni. Non avremo potenziamenti duranti la gara ma dovremo fare affidamento sulle nostre armi, mine e turbo installate nelle auto. Ragazzi, questo gioco nel 2021 non ha perso ancora il suo fascino e risulta essere una divertentissima alternativa ai classici Mario Kart e Crash Team Racing. Le gare sono entusiasmanti, i nemici possibilmente molto cattivi e i percorsi ben costruiti, per non parlare della colonna sonora. Brani rock misti al metal anni 80-90 saranno un accompagnamento in grado di darci una carica immensa e, perché no, una occasione per riscoprire un po’ di buona musica.

Il terzo e ultimo titolo sarà Blackthorne, forse il più invecchiato male dei tre. Il motivo di questo fatto è semplice e si insidia nei comandi, poco reattivi e molto lenti. Questo non sarebbe un problema dato che assomigliano molto a quelli di Abe’s Odyssee, capolavoro di quel periodo, ma le azioni che dovremo compiere richiederanno una velocità maggiore di quella di cui disponiamo. La trama è molto simile inoltre, e consisterà nel capire come mai il nostro popolo si trova schiavizzato da una razza aliena. Noi saremo una sorta di terminator dotati di canottiera e fucile a pompa, per un connubio enigmi e sangue. Giocare a questo titolo nel 2021 potrebbe essere più difficile del previsto ma dargli una possibilità è davvero essenziale per capire lo sforzo degli sviluppatori.

Una fedeltà ai massimi livelli

Come abbiamo visto negli anni precedenti, ad esempio nel caso di Capcom Arcade Stadium, troviamo una simulazione semplicemente perfetta. Giocare con il SNES nel 2021 è un’operazione semplice anche per i nostri orologi, ma ogni titolo non si presenta come un semplice porting. Il SEGA Genesis aveva dei pregi, il Super Nintendo ne aveva altri e quindi Blizzard ha pensato di metterli insieme in un’edizione definitiva. Ogni titolo difatti si potrà giocare nelle edizioni originali e in quella definitiva che, oltre ad avere una completa traduzione in italiano, davvero ottimo per questo genere di prodotti, ha una risoluzione moderna e dei modelli puliti. Il tutto quindi non puzzerà di vecchio o di riciclato, ma di un titolo volendo anche moderno, rappresentato in una pixel-art molto godibile. Le musiche sono state prese e riproposte in una versione moderna e, nel caso, intercambiabile con quella in 16-bit. Insomma, i titoli presenti nella Blizzard Arcade Collection possono essere giocati in tutte le salse possibili e ciò rappresenta un amore totale per il proprio lavoro.

Ogni gioco conterrà una funzione di salvataggio rapido, molto simile a quella degli emulatori e diverse opzioni per la visualizzazione. Possiamo simulare il vecchio tubo catodico o preferire una visualizzazione adattata più moderna, tutto dipende dalle nostre preferenze. A tirarci fuori dalla full immersion negli anni ’90 tocca però ai contenuti extra, tanto importanti quanto estremamente interessanti. Tutto ciò che riguarda i titoli inclusi, dalle vecchie confezioni alle foto degli sviluppatori all’epoca, passando per le pubblicità nelle riviste è incluso in questa collezione. Un player per la colonna sonora completa di Blackthorne e Lost Vikings è inserito in questa sezione, una scelta davvero ottima.

Blizzard Arcade Collection

Dare un voto a Blizzard Arcade Collection non è per niente un compito facile. Se dovessimo parlare della fedeltà in sé dell’offerta il voto sarebbe un 10 tondo tondo, ma per essere oggettivi dovremmo andare oltre. Alcuni giochi al giorno d’oggi non sono più così piacevoli e non divertono più di tanto. Forse ci sarebbe stato bisogno anche di qualche ulteriore ritocco al gameplay nella versione definitiva, dato che quelle originali sono comunque incluse. Alcune meccaniche oggi non si riescono molto a digerire e avremmo preferito un maggior lavoro di modernizzazione. Detto questo, a chi ama il retro gaming e chi vuole farsi una cultura su una delle case videoludiche più importanti di tutti i tempi, consigliamo vivamente di dare una possibilità a Blizzard Arcade Collection. Per non perdervi altri nostri contenuti originali rimanete connessi con noi su MonkeyBit e seguiteci sui nostri social. Il pacchetto può essere acquistato insieme ad altri bonus Blizzard esclusivi sul sito ufficiale.

Blizzard Arcade Collection Recensione
7.5 / 10 VOTO
PRO
    - Il miglior ripasso possibile su questa meravigliosa pagina di storia
    - Grafica contestualizzata ai giorni nostri
    - Colonna sonora da urlo e tantissimi contenuti extra
CONTRO
    - Gameplay invecchiato molto male in certi casi
    - Edizioni definitive che osano troppo poco
VOTO
El Camino

What's your reaction?

Developed by SpawnLab