MonkeyBit

Among Us

Among Us e la storia della sua scalata nelle classifiche

Among Us è il gioco del momento, e se ancora non avete sentito questo nome sicuramente vivete sotto una roccia, tipo Patrick Stella. Questo titolo ha attirato l’attenzione di chiunque, facendo numeri esorbitanti e superando letteralmente tutti i grandi colossi su Twitch, tra cui League of Legends e Fortnite. Ebbene sì, un gioco così terra terra dalle meccaniche altrettanto semplici è riuscito a farsi strada fino alla cima delle classifiche, e ad essere nella bocca di tutti. Ma non tutti conoscono il dietro le quinte di questo grande successo; perché è diventato così famoso? E perché soltanto adesso e non due anni fa, quando è stato rilasciato? In questo articolo andremo a scoprire insieme la storia di Among Us, e di come è arrivato ad oggi con i suoi enormi numeri.

Among Us

Among Us: che cos’è?

Le premesse di Among Us sono molto semplici: si potrà giocare con un minimo di 4 fino ad un massimo 10 di persone, che siano nostri amici o giocatori casuali, e tra questi, fino a 3 di loro saranno gli impostori, che avranno il compito di ucciderci. Nel caso ci trovassimo nei panni di coloro che dovranno proteggersi, il nostro compito sarà quello di completare determinate missioni e, nel frattempo, fare attenzione ai nostri paraggi per scovare l’impostore e collaborare per buttarlo fuori e salvarci la pelle. Se invece saremo noi gli Imposter, dovremo uccidere i giocatori intorno a noi, stando attenti a camuffarci per non essere scoperti.

Questa meccanica vi suona familiare? Forse perché effettivamente lo è; infatti, è molto simile a Lupus in Fabulaun gioco di società che possiede le stesse basi. Un passatempo molto famoso tra i gruppi di amici di ogni età, che è praticamente stato digitalizzato e reso più intrigante, e decisamente più interattivo. Non solo questo però, perché per via della sua modalità online è accessibile a chiunque dotato di uno smartphone, rendendolo quindi molto abbordabile sia di presenza che a distanza. Questo è uno dei tanti fattori che hanno portato Among Us alla vetta, insieme alla sua incredibile semplicità, sia nel gameplay che nelle regole. Difatti, non ci vuole molto ad imparare come funziona il gioco e ad iniziare a fare sul serio. Sappiamo tutti, però, che nonostante sia così facile prenderci dimestichezza, il divertimento sicuramente non va a mancare; al contrario, più si fanno partite e più se ne vuole fare altre. È quasi come una droga.

Among Us

Ecco il perché del boom di Among Us

Per chi non ne fosse a conoscenza, il gioco è uscito nel lontano 2018, rilasciato dalla casa sviluppatrice InnerSloth. Allora, Among Us contava un massimo di poco più di un migliaio di giocatori online nello stesso momento, ed è stato così per ben 2 anni, fino ad oggi. In questo momento, il titolo conta un picco di 390 000 giocatori online. Una differenza incredibile, e decisamente inaspettata dagli sviluppatori, che infatti hanno anche avuto problemi con i server, non adatti a contenere una mole tale di utenti. Non biasimateli, quindi, se per un po’ il gioco darà problemi di lag o disconnessioni in qua e là, perché sicuramente nessuno era pronto per un boom simile.

Cos’è, quindi, che ha portato Among Us in auge, se era partito con dei numeri così ristretti? La maggior parte delle persone attribuisce questa cosa a Twitch, o meglio, agli streamer grossi stranieri che hanno iniziato a portare il gioco nelle loro live, e quindi a dargli visibilità. Tra questi abbiamo Ninja, Pokimane, Jacksepticeye e Pewdiepie (quest’ultimo, però, su YouTube). Ma rimane ancora una domanda: perché hanno iniziato tutti a giocarlo nello stesso periodo?

Facendo qualche ricerca, è venuto fuori che tutto ha molto probabilmente a che fare con gli sviluppatori ed un altro loro gioco rilasciato precedentemente: The Henry Stickmin. Più che un singolo prodotto, si tratta di una saga di molteplici titoli con un’udienza discreta, che sono stati recentemente raccolti in una collezione remastered rilasciata su Steam. Stiamo parlando di The Henry Stickmin Collection, annunciato pochi mesi prima del suo rilascio, avvenuto il 7 agosto di quest’anno. Il titolo in questione contiene riferimenti al gioco titano di InnerSloth, tra cui un achievement che per essere ottenuto richiederà completare la collezione di determinate bambole: queste ritraggono niente meno che gli astronauti di Among Us.

È quindi questo ciò che ha quasi sicuramente dato inizio a tutto, un po’ per i simpatici riferimenti e un po’ per la curiosità dei giocatori, provenienti da The Henry Stickmin, di investigare sugli altri prodotti di InnerSloth. Gli streamer, però, hanno sicuramente dato il loro enorme contributo, aiutando il titolo a crescere a dismisura. Per quanto riguarda il suolo italiano, il suo arrivo è stato rapido e ben accolto da chiunque: tra alcuni dei colossi di Twitch Italia che lo hanno portato in live fino ad oggi abbiamo POW3Rtv, Blur, Homyatol, Zano, e più recentemente MikeShowSha.

Among Us

Among Us ed il suo sbarco su Twitch

C’è ancora una domanda alla quale manca una risposta: cos’è che ha reso Among Us così appetibile su Twitch? Il motivo è che il gioco è incredibilmente stream-friendly. Abbiamo già fatto un articolo nel quale spieghiamo nel dettaglio cos’è che rende adatta un’opera per fare successo negli streaming, ed adesso la applicheremo sul protagonista di oggi.

Per prima cosa, come abbiamo già citato precedentemente, Among Us è un gioco incredibilmente semplice, sia per ciò che concerne il gameplay, per le meccaniche, o per le grafiche. Questo significa che non c’è bisogno di conoscere una storia prefissata per poterlo seguire, o di conoscere determinate combo o azioni per poterlo capire, e che quindi è alla portata di, letteralmente, chiunque. Le partite durano poco (non più di una decina di minuti, ma la maggior parte delle volte non supera i cinque), rendendo così la trasmissione che stiamo seguendo sempre aggiornata, e quindi senza annoiarci, né noi spettatori, né la persona che sta conducendo lo streaming.

Un altro fattore estremamente importante è il fatto che si tratti di un titolo fatto per essere usufruito con amici, rendendolo un modo per giocare in compagnia e, quindi, moltiplicare il divertimento. È inutile provare a battibeccare: i giochi con gli amici sono sempre più esilaranti, sia che stiamo partecipando noi stessi, sia che stiamo semplicemente guardando. Questa è una componente che manca ad un sacco di altre opere, indubbiamente ben più grosse ed importanti di Among Us, ma che non sono per niente adatte ad uno streaming di successo. Un esempio lampante di questo fenomeno è The Last of Us II, che è sicuramente un signor gioco, ma i numeri parlano chiaro: quest’ultimo conta un totale di 126 000 ore di visualizzazioni su Twitch, contro le 40 000 000 attuali di Among Us.

È importante anche tener conto delle numerose possibilità di coinvolgimento degli spettatori durante la trasmissione di questo titolo. E c’è una cosa che lo porta in vantaggio rispetto ad alcuni dei titoli più conosciuti, ossia la possibilità dello streamer di giocare con chi li sta guardando. Essendo che Among Us è gratuito su mobile, e data la sua semplicità, spiegata precedentemente, esso è abbordabile letteralmente per chiunque, dando la possibilità ai fan di giocare con i loro streamer preferiti, qualora decidano di farlo. È vero, sì, che ogni partita può ospitare un massimo di 10 persone, ma è anche vero che ciascun game dura davvero poco, e che quindi si può fare a turni per poter permettere a più spettatori possibili di giocare. Oltre a ciò, è un ottimo modo per tenere la chat attiva e coinvolta, perché ci sarà sempre da discutere riguardo ciò che sta succedendo davanti agli occhi di chi sta assistendo allo streaming.

 

Among Us

Among Us: fenomeno temporaneo o duraturo?

Come possiamo sapere se Among Us manterrà il suo successo anche nei mesi a venire? Nessuno può darci una risposta concreta, ma date tutte le forti premesse citate precedentemente, noi crediamo che rimarrà in cima alle classifiche ancora per un bel po’ di tempo. Anche qui, i numeri parlano chiaro: il gioco piace ed intrattiene, ed al momento non c’è alcun motivo per il quale il titolo potrebbe perdere di visibilità. Inoltre gli sviluppatori sembrano essere abbastanza attivi ed attenti alle richieste della loro fanbase, nonostante sia cresciuta così velocemente in così poco tempo, quindi sicuramente tra le mani non abbiamo un titolo che andrà a marcire.

Dulcis in fundo, InnerSloth ha anche dato un buon incipit per non distanziarci dal loro gioco, annunciando Among Us 2, in arrivo approssimatamente nell’estate dell’anno prossimo. Sarebbe interessante se venissero introdotte nuove meccaniche per rendere il titolo più fresco; non che ora non lo sia, ma ovviamente da qui ad un anno le cose cambieranno.

Among Us

Questa è tutta la storia che si cela dietro Among Us, la hit del momento. Speriamo vivamente che la abbiate trovata interessante, e che abbia possibilmente incuriosito chi non ha ancora provato il gioco a farlo. Io stessa ho iniziato soltanto pochi giorni fa, e mi sono pentita di tutto il divertimento lasciato addietro. Nessun problema, tanto probabilmente mentre voi starete leggendo questo articolo io mi starò rifacendo; magari sarò occupata a svolgere qualche task nel gioco, o magari ad uccidere qualcuno…

A tal proposito, potete trovare qui la nostra guida per impostare i settaggi al meglio a seconda dei vostri gusti, e godervi la vostra esperienza a pieno. In più, se avete bisogno di compagni coi quale giocare, vi invitiamo ad unirvi al gruppo Telegram di Among Us più grande di Italia tramite questo link, per trovare nuovi amici con i quali condividere il divertimento.

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab