MonkeyBit

Amazon Luna vs Google Stadia: guida al cloud gaming

Amazon si addentra in un mercato nuovo ma già decisamente affollato.

Amazon Luna ha appena rivelato al mondo il suo ultimo progetto, la società si sta ufficialmente immergendo nella piazza del cloud gaming, luogo diventato sempre più affollato nell’ultimo anno. Google ha lanciato Stadia lo scorso novembre, GeForce Now di Nvidia ha lasciato la beta a febbraio e l’offerta di cloud gaming di Microsoft è inclusa con un abbonamento Game Pass Ultimate a partire dal 15 settembre, anche se al momento funziona solo con Android. Ogni azienda sta affrontando il cloud gaming in un modo leggermente diverso, noi di MonkeyBit proveremo a farvi comprendere questo modo tutto nuovo di intendere il videogiocare tramite un piccolo confronto.

Amazon Luna

Luna offre l’accesso illimitato a diverse selezioni di giochi facenti parte di canali separati. Al momento del lancio, sarà possibile iscriversi ad un solo canale, Luna Plus, e solo se accettati precedentemente come utenti con accesso anticipato. L’unico altro canale annunciato finora è quello che ospiterà esclusivamente giochi Ubisoft. In questo momento, non esiste opzione per acquistare singoli giochi su Luna: sarà possibile giocare solo a ciò che è incluso nei pacchetti. Luna Plus avrà un prezzo di lancio di $ 5,99 al mese, mentre il canale Ubisoft, che è attualmente elencato come “in arrivo”, non ha ancora un prezzo. La società promette che gli abbonati potranno giocare contemporaneamente su due dispositivi, mantenendo i tanto ambiti 60 fps.

I giochi verranno trasmessi in streaming dall’infrastruttura di cloud computing AWS di Amazon, con la promessa di avere caricamenti rapidissimi, senza alcuna installazione da parte del fruitore. Con l’acquisto dello specifico controller personalizzato da $ 49,99 offerto agli utenti di accesso anticipato di Luna, sarà possibile collegarsi in modo diretto ai server. L’ultimo passaggio, secondo Amazon significherà meno latenza nel gioco rispetto all’utilizzo di un comune apparecchio bluetooth.

Luna sarà disponibile su PC, Mac, Fire TV e, in notevole distinzione dai suoi concorrenti, su iPhone e iPad. La versione iOS di Luna è una web app progressiva, una soluzione che consente ad Amazon di aggirare le regole restrittive dell’App Store di Apple per le app di cloud gaming. I giochi avranno come target fino a 1080p, con il supporto 4K in arrivo per alcuni titoli.

Amazon prevede di avere circa 50 giochi ciascuno sui canali Luna Plus e Ubisoft. Numero che potrebbe essere sorprendentemente facile da aumentare nel tempo, poiché Luna gira su server Windows e GPU Nvidia. Non è richiesto agli sviluppatore di fare passaggi ulteriori, spesso eccessivi, come poteva essere adattare la loro opera a sistemi operativi meno utilizzati come Linux. Quest’ultimo punto potrebbe essere uno dei punti di forza maggiori per il cloud gaming Amazon, essendo, da questo punto di vista, nettamente superiore a Google Stadia.

Amazon Luna

Google Stadia

Il servizio di cloud gaming di Google Stadia sembra abbastanza simile a quello di Amazon a prima vista. Consente di riprodurre in streaming i giochi dai data center di Google direttamente sul dispositivo su cui si sta giocando. Ha un controller personalizzato che può connettersi ai server di Google per ridurre la latenza. Promette di integrare in modo visibile YouTube. Il modello di business di Stadia presenta, tuttavia, alcune differenze notevoli.

Non vi è nessuna divisione in canali, Stadia permette l’accesso ai giochi in due modi diversi. Il metodo numero uno è quello di acquistare singoli titoli a prezzo pieno e riprodurli in streaming in qualsiasi momento, senza costi aggiuntivi. Il secondo metodo è ottenere Stadia Pro, un servizio di abbonamento da $ 9,99 al mese che consente di richiedere gratuitamente una gamma di giochi che cambia regolarmente. I giochi ottenuti tramite il servizio d’abbonamento saranno conservabili ed utilizzabili finché sarà versato il pagamento della tariffa mensile. Stadia Pro ti consente anche di giocare ai giochi che acquisti singolarmente con una risoluzione fino a 4K, rispetto alla risoluzione massima di 1080p disponibile per gli utenti non Pro.

Fare in modo che gli sviluppatori portino i giochi su Stadia potrebbe essere un po’ più una sfida rispetto ad altre piattaforme. Questo perché, come detto in precedenza, è necessario che gli sviluppatori portino i loro giochi su Linux. Inoltre, su Stadia si va di fatto ad acquistare una nuova copia del titolo da zero durante l’utilizzo, cosa che va irrimediabilmente a cancellare i salvataggi ed eventuale lista amici. Andiamo però a vedere anche i vari punti a favore.

A differenza di Luna, la piattaforma Stadia ha anche alcuni giochi e funzionalità esclusivi resi possibili dal cloud, inoltre sono in progetto delle vere e proprie esclusive. Google Stadia possiede infatti dei veri e propri gaming studio, cosa che difficilmente vedremo fare ad Amazon, almeno nel breve periodo. Stadia è disponibile su un mix leggermente diverso di piattaforme rispetto a Luna: PC, Mac, Linux, ChromeOS e alcuni dispositivi Android, ma nessun supporto iOS. Sul servizio sono tutt’ora presenti poco meno di 90 titoli.

Google Stadia

 

El Camino

What's your reaction?

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Developed by SpawnLab